English version

Buggerru.
Oggi Buggerru con i suoi dintorni offre ai turisti un soggiorno molto piacevole a prezzi ragionevolissimi in un angolo di Sardegna tra i più belli e meno frequentati con la possibilità di godere di silenzio e tranquillità (anche nel mese di agosto!) in calette lontane da tutto e da tutti, oppure di scatenarsi nel surf da onda, windsurf, kitesurf.
La strada che ci conduce a Buggerru ci offre scorci naturali da mozzare il fiato: una spiaggia dalla sabbia fine e dorata lunga 3 km, inframmezzata da calette solitarie e scogliere granitiche a strapiombo.
Spiagge e scogliere Spiagge e scogliere   mappa di buggerru Mappa di Buggerru   Surf & Kite
A sud, a 5 km da Buggerru , ad interrompere una costa formata da alte scarpate calcaree, modellate dagli agenti atmosferici e dall'azione del mare (falesie) una cala di straordinaria bellezza: Cala Domestica . La spiaggia, su cui incombe una torre spagnola (per l'avvistamento dei pirati, costruita nel 600, alta 12 m, con mura di 2,5 m) si trova nel fondo di un fiordo, tra due promontori, ed è circondata da alte dune di sabbia bianca, macchia mediterranea, calette rocciose (ad una di esse, la caletta , completamente nascosta alla vista si accede attraverso una galleria scavata dai minatori) e da speroni a strapiombo sul mare. Risalendo verso Nord, in Costa Verde, arriviamo a Piscinas , un luogo unico, un ecosistema perfettamente intatto: un vero deserto di 3 kmq con le più grandi e belle dune del Mediterraneo, di sabbia finissima, alte fino a 50 m, vive perchè si muovono per l'azione incessante dei venti che si infrangono sui ginepri plurisecolari che le recintano.
Se si va in spiaggia nelle prime ore del mattino, quando più forte è il profumo dei gigli marini, è facile incontrarvi i cervi; nel mese di giugno le tartarughe marine vengono qui a deporre le uova. Ad esperti subacquei è possibile visitare il relitto di una nave inglese affondata nella seconda guerra mondiale a qualche centinaio di metri dalla spiaggia. Il mare, specie dopo le maestralate, è molto pescoso.
Accanto a Piscinas c'è la piccola spiaggia sabbiosa di Scivu , chiusa dalle dune e da una fitta macchia mediterranea, che offre relax e un bagno in perfetta solitudine per 12 mesi l'anno. Il paese di Buggerru si offre alla nostra vista fra due alti promontori, rannicchiato in una gola profonda che degrada verso il mare, dove, per la gioia dei turisti, troviamo un porticciolo ben attrezzato e una grande spiaggia di sabbia fine riparata dal vento. Le montagne che sovrastano il paese ne custodiscono la storia umana e naturale in miniere (chiuse) grotte e gallerie. Il territorio intorno a Buggerru è caratterizzato dal fenomeno del carsismo (processo chimico operato dall'acqua in rocce calcaree, che determina particolari forme di erosione superficiali e sotterranee) che ha originato grotte di straordinaria bellezza.
Spiaggia di Buggerru Torre spagnola Spiaggia di Portixeddu
Spiaggia di BuggerruLa torre spagnolaSpiaggia di Portixeddu


Le Grotte
Le grotte di maggior interesse presenti in questo territorio sono:
  • la grotta di Su Mannau con uno sviluppo di circa 6 km, costituita da ampie sale, gallerie e pozzi. La prima parte della grotta è aperta ai turisti.
  • la grotta Paradiso (Flumimaggiore) contiene cespugli di rare aragoniti azzurre; purtroppo la grotta è di difficile reperimento e accesso.
  • la grotta di S. Giovanni (Domusnovas), già famosa in età antichissima, presenta ruderi di mura preistoriche che ne chiudevano gli ingressi. Nel mondo è una delle sole tre grotte naturali che si possano transitare in auto.
  • la grotta di S. Barbara (nella Miniera di S.Giovanni) ha un grande salone che nella parte inferiore è occupato da un delizioso laghetto. Presenta imponenti colonne di oltre 20 m di altezza e delicatissime eccentriche di aragonite. Questa grotta è unica al mondo per la presenza di cristalli di barite marrone-rosata. Alla grotta si può accedere solamente attraverso la miniera, ciò ha permesso la perfetta conservazione della grotta.
  • il complesso di Cuccuru Tiria (Iglesias) presenta un gran numero di cavità di notevole interesse archeologico per essere state utilizzate come luoghi di sepoltura nel periodo nuragico e prenuragico.
  • la grotta di Is Zuddas (distretto carbonatico del Sulcis, in agro di Santadi) è un esempio molto importante del carsismo. La grotta, fornita di un attrezzato luogo di ristoro per i turisti, è assai nota anche fuori della Sardegna ed ormai conta un grande numero di visitatori che ogni  anno restano ammirati dallo spettacolo delle sue sale ricchissime di cespugli di aragonite
  • la grotta Pirosu a Santadi , non lontana dalla grotta di Is Zuddas, con reperti sacri nuragici, (VIII-VI  secolo a.C.), consistenti in migliaia di vasi, ciotole, lucerne e materiale bronzeo, pugnali ad elsa gammata, spilloni, anelli (uno d'oro). Nella grotta Pirosu sono stati ritrovati anche una barchetta a protome ovina, e un raffinato tripode di origine cipriota, finemente cesellato. Al momento risulta essere l'unico tempio nuragico ipogeo in Sardegna.

La spiaggia di Portixeddu - San Nicolò

È una spiaggia di sabbia dorata lunga alcuni km da Fluminimaggiore a Buggerru. Presenta una catena di dune recintate dalla macchia mediterranea e da antichi ginepri. Si accede alla spiaggia grazie alla strada che va da Portixeddu a Buggerru. Vi sono ampi parcheggi, alcuni bar, ristoranti e pizzerie. Una grande pineta chiude alcuni tratti dunosi.
La spiaggia offre agli sportivi molte opportunità di svago: surf da onda, windsurf, kitesurf, pesca subacquea e, dalla spiaggia, surfcasting.

 

affitto sud sardegna